Regione Lombardia

Storia del Comune

Ultima modifica 24 novembre 2016

Un borgo di pianura, caratteristico con i suoi campi coltivati, le risaie che, appena messe a coltura, riflettono i raggi del sole primaverile. 
Le cascine e gli edifici carichi di anni ricordano che storia e tradizioni in questo paese affondano le loro radici lontano nel tempo. 
Sono del XIV le prime notizie documentate sulla presenza di un insediamento umano in questo territorio
Tuttavia si sa di certo che già alcuni secoli prima di questa data  personaggi come Alboino –primo re dei Longobardi-, Carlo Magno, suo nipote Carlo il Calvo e Ottone III  hanno sostato o sono vissuti per un certo periodo in questo territorio. 
Torre d’Isola si chiama così perché il primo piccolissimo insediamento che, con il tempo ha dato origine all’attuale comune sorgeva su un’isoletta nell’alveo del Ticino e prendeva all’epoca il nome di Case dell’Isola . 

Nel corso dei secoli svariate piene del fiume hanno costretto gli abitanti del luogo a spostarsi e a fissare le loro dimore in zone sempre più alte del territorio circostante giungendo infine in un sito che approssimativamente si trovava  dove oggi sorge Villa Botta Adorno. 
Si pensa che, ad un certo punto, su quell’Isola sia stata costruita una torre e che da quel momento la località abbia assunto il nome di Torre dell’Isola, ovvero Torre D’Isola. 
Fino al 1860 sul suolo dell’attuale comune c’erano quattro diverse entità abitative : Torre d’Isola, Cascine Tolentine (Cascina Grande), Cassine Tentori (San Varese) e Santa Sofia. 
Ciascuna di queste ha avuto una propria origine e peculiarità uniche ed inconfondibili. 
Torre d’Isola era collegata ai piccoli agglomerati di  Boschetto, Casottole e Campagna ad una rete di stradine in terra battuta contornati da lunghissime file di piante ornamentali di alto fusto come querce, platani e pioppi piramidali . 
Cascina Grande è sede dell’antico comune di Cascine Tolentine. 

Il 1° aprile del 1450  la zona è stata donata dal Duca di Milano Francesco Sforza alla locale famiglia dei Tolentini. 
Nella donazione erano comprese molte cascine ed alcune di queste hanno assunto il nome diTolentine . 
Cassine Tentori (San Varese) era un tempo una località di frontiera tra Lombardo Veneto e Piemonte. Aveva un approdo sul Ticino in cui avvenivano gli scambi commerciali con i mezzi di transito.  Il territorio che ora è occupato dalla frazione di Massaua apparteneva all’antico comune di Santa Sofia
In questa località è presente una graziosa  chiesetta dedicata a Santa Rita da Cascia. 
Una leggenda racconta che Santa Sofia, prima di chiamarsi con tale nome era il luogo della Sapienza Divina e vi era una sorgente d’acqua purissima con poteri taumaturgici. Intorno alla sorgente si riunivano monaci e filosofi per dispensare il loro sapere a tutti coloro che volessero affidarsi al miracoloso potere dell’acqua. 

Torre d’Isola è dunque un paese dalle origini remote, con una storia talvolta pittoresca, talaltra crudele, ma dove le tradizioni di ieri sopravvivono –anche solo nei ricordi o nelle testimonianze- e si sovrappongono a quelle di oggi.